Capisco Puls, l’evoluzione del modo di sedersi

capisco puls
  • capisco puls

Seduti su una HÅG Capisco Puls sperimenterete grande libertà di movimento, la possibilità di cambiare posizione e un modo naturale di sedersi.
HÅG Capisco Puls ti permette di stare seduto a lungo senza stancarti, grazie alla leggera oscillazione controllata che partendo da un punto di equilibrio segue i movimenti del tuo corpo.
E’ il corpo che controlla la sedia, decidendo quando spostarsi o quando rimanere fermo in una posizione.
capisco pulsLa seduta a sella permette di scaricare a terra buona parte del peso e di preservare l’assetto fisiologico della colonna vertebrale.
La forma dello schienale poi offre grande libertà alle spalle ed alle braccia e garantisce allo stesso tempo il corretto sostegno alla schiena.

Quando Peter Opsvik disegnò la prima versione di HÅG Capisco nel 1984, era sua intenzione superare le abitudini di seduta stereotipate con soluzioni non convenzionali.

Molti esperti in ergonomia cercarono di definire quale fosse la postura di seduta corretta. il contributo di Peter Opsvik è stato quello di creare prodotti che lasciano spazio a diverse posture, tutte sulla stessa sedia.
La popolarità di Capisco ha continuato a crescere, fino a diventare una delle sedie operative più famose e più vendute in Europa.

PERCHE’ SCEGLIERE CAPISCO PULS
poster-ergonomia-hag-700x1000-bassaCapisco Puls è una versione più leggera e giovane di Capisco, della quale mantiene ogni funzionalità e caratteristica ergonomica. Completamente in plastica colorata, ha un cuscinetto integrato nel sedile per maggiore comfort.
E’ una sedia perfetta per un ufficio dinamico, dove non si passa molto tempo seduti. Per un home office oppure per la camera dei ragazzi.
E’ molto facile da regolare (l’altezza e la profondità del sedile e l’altezza dello schienale sono regolabili) per adattarla al proprio corpo ed avere il giusto sostegno proprio dove serve.
Lo schienale ed il sedile oscillano dolcemente ad ogni movimento del tuo corpo (anche la tensione dell’oscillazione è regolabile ed il meccanismo può essere bloccato), per mantenere sempre la dinamicità della colonna vertebrale e dei muscoli.
La forma particolare del sedile a sella, permette di tenere una postura naturale, con angolo aperto tra il busto e le gambe, che facilita la respirazione e quindi migliora la circolazione del sangue.
Il risultato è un livello di concentrazione prolungato, ed una maggiore capacità di attenzione.
Inoltre Capisco Puls è disponibile in otto diversi colori: nero, rosso, bianco, grigio, rosa quarzo, verde azzurro, blu petrolio e beige.
Capisco Puls, fatta proprio per te.
Trova e scegli la tua Capisco Puls preferita su ergonomio.it

Facebookpinterest

Non chiamatele sedie!

Spesso ci chiedono ‘ma cosa hanno le vostre sedie di diverso dalle altre’? La risposta è molto semplice:
il nostro è un approccio olistico al mondo delle seduta e il risultato finale è più grande della somma delle sue parti.
Questo è il nostro modo di pensare e sviluppare i prodotti.grey clear_RBM_Twisted_Little_Star_RH_Lounge[ppt]
Partiamo sempre dalle nostre quattro caratteristiche fondamentali: qualità, ergonomia, tutela ambientale e visual design, che sono anche i nostri punti di forza.
Ecco che cos’è il design olistico: tenere sempre in considerazione tutti questi aspetti nello sviluppo di un prodotto. Rispondere a sfide particolare, esplorare opportunità, prendere decisioni. Unendo le parti si ottiene un tutto più grande. Un prodotto completo.
Håg disegna per le persone, per la loro giornata lavorativa, per il loro bisogno di movimento e di cambiamento. L’esperienza dell’utente, le sue esigenze, la soddisfazione e il comfort, sono sempre le nostre priorità principali. Perchè solo tu puoi chiudere il cerchio. E portare le nostre sedie alla vita.

Non vi abbiamo ancora convinto? Guardate cosa ha fatto l’artista Cecilia Hedlund su una Håg  Sofi.

Facebookpinterest

Come scegliere una sedia ergonomica – 2. la seduta a sella

IL SISTEMA SADDLE CHAIR

Ci sono attività normalmente svolte in piedi, dal lavoro in catena di montaggio alla semplice stiratura di una camicia, che possono essere svolte in modo ancora più efficiente e senza ripercussioni sulla schiena utilizzando un particolare sistema di seduta, definito “saddle chair”. Il principio di base è proprio quello della sella equestre, che offre un angolo molto ampio fra tronco e gambe, intorno ai 135°, rispetto ai
90° delle sedie convenzionali. Questa posizione permette di scaricare a terra buona parte del peso che graverebbe sull’area lombo-sacrale. Si preserva così l’assetto fisiologico della colonna, come nella posizione eretta, mantenendo la comodità di una posizione semi-seduta e consentendo il
movimento, senza accusare alcuna fatica. Le sedute con sistema Saddle Chair sono particolarmente
adatte per attività professionali in campo sanitario dove forti sono le sollecitazioni alla schiena (dentisti, operatori radiologici, assistenti alle poltrone).

HÅG_Capisco_People_Interior_2013kLo sgabello Varier Move per esempio, asseconda i movimenti grazie alla base basculante che segue il corpo in una miriade di posizioni.La seduta a sella impedisce di scivolare, consentendo soprattutto, di respirare meglio, concentrarsi e dare sollievo alla colonna vertebrale.
HÅG Capisco è una seduta a sella completa di schienale, perfetta per chi trascorre molte ore seduto alla scrivania. Studiata per una seduta attiva, facilita ogni tipo di postura e mantiene un movimento essenziale e salutare del corpo, permettendo i passare con facilità dalla posizione seduta a quella semieretta.

Facebookpinterest

Come scegliere una sedia ergonomica – 1. il sistema balans

L’ergonomia ha fatto molti passi avanti negli ultimi anni ed è in grado di stabilire alcuni parametri fondamentali nella scelta di una sedia realmente confortevole. Essa dovrà favorire il movimento e il cambio di posizione, dando il giusto sostegno alla colonna vertebrale, per non sottoporre la zona lombare a carichi statici prolungati. Per una postura corretta, è poi importante assicurare un’angolazione ottimale fra gli arti inferiori ed il tronco. Ciò è possibile soltanto se lo schienale e il piano di seduta mantengono un assetto costante tra loro. Sono quindi sconsigliabili quelle sedute con il solo schienale reclinabile, che possono indurre ad assumere posizioni non corrette.

Multi_balans_Teal_FA7059-Natural_lacquered_beech-Pack_a3IL SISTEMA BALANS®
Nel trattamento delle disfunzioni posturali, il primo obiettivo è migliorare la distribuzione dei carichi. Il sistema di seduta balans®, grazie all’asse di seduta leggermente inclinato in avanti e all’appoggio delle ginocchia, amplia l’angolo fra le gambe e il tronco. Viene così ridotto il peso che grava sulla schiena, scaricandolo sulle ginocchia e sui piedi. Ecco perché è possibile rimanere seduti più a lungo senza avvertire la fatica. La base basculante favorisce inoltre il movimento e permette di assumere differenti posture lasciando sempre la colonna vertebrale in assetto fisiologico, con benefici sia per l’apparato respiratorio, sia per quello circolatorio. Le sedute con sistema balans® sono
particolarmente indicate per i ragazzi (Variable™, Multi™ e Thatsit™), sia per lo studio che per il gioco.

Facebookpinterest

Rethinking Sitting – La filosofia di Peter Opsvik

Peter Opsvik è un designer industriale , formatosi alla Bergen College of Applied Art e allo State College of Applied Art di Oslo. Attualmente ha il suo studio di design a Oslo, dove collabora con un team di 7 colleghi.

Definirlo solamente un designer è fortemente riduttivo, in quanto per tutta la sua vita ha perseguito una nuova filosofia del modo di sedersi, tentando di andare oltre gli stereotipi, con le sue sedute non convenzionali.
Il suo lavoro mostra come le regole relative al mondo della seduta possano essere infrante.
Nel suo lavoro sullo sviluppo di soluzioni di seduta, Opsvik  non vedeva alcun senso nel cercare di creare ulteriori varianti su pezzi di mobili o oggetti tipici del design scandinavo già esistenti.
Invece, ha lavorato sulla creazione di nuovi prodotti destinati a rivoluzionare il modo di sedersi.
Sedie progettate per seguire il corpo umano in ogni movimento, per assecondarlo nella ricerca della postura più confortevole, vere espressioni del concetto di ergonomia.

PER RIPENSARE IL MODO DI SEDERSI, BISOGNA TORNARE ALLE ORIGINI
Per milioni di anni  la razza umana ha avuto una vita fisicamente attiva. Nel corso dei secoli più recenti, tuttavia, l’industrializzazione ha favorito la passività e il crescente predominio della postura seduta per sempre più persone.
Nella maggior parte dei luoghi di lavoro, delle istituzioni e delle abitazioni le sedie sono diventate pezzi di arredamento tutti uguali, o addirittura comprati in blocco con le altre attrezzature dell’ufficio.
Si è creato uno standard nella seduta senza possibilità di personalizzazione o variazione.

Nel suo libro RETHINKING SITTING, Peter Opsvik affronta la questione, domandandosi se questo sia effettivamente il meglio possibile per il corpo umano.

11351_Thatsit_balans.jpgNel corso degli anni, ogni studioso di ergonomia ha promosso la propria unica e sola “corretta” posizione seduta. E secondo Opsvik tutti loro avevano ragione. Tutte le posizioni consigliate sono buone, ma lui ha lavorato su quello che gli altri non avevano considerato: progettare sedie che permettano di assumere  il maggior numero di differenti posizioni di seduta possibili, per rendere più facile muoversi e cambiare frequentemente posizione. 

Facebookpinterest

SEDERSI BENE TI CAMBIA LA VITA – 2. Poca concentrazione? Attenzione alla sedia.

È stato chiaramente dimostrato che le sensazioni di scomodità o dolore durante l’esecuzione di un compito funzionale riducono drammaticamente i livelli di attenzione e di efficienza. In quest’ottica vanno considerati sia i livelli produttivi in ambito lavorativo che l’attenzione in attività di studio o nelle quali sia richiesta particolare concentrazione.Ciò è stato osservato in alcuni studi condotti su ampi campioni, in particolare di studenti, di operatori di videoterminali, e di professionisti come dentisti, grafici pubblicitari, disegnatori meccanici, progettisti.

Quando siamo sedSE_0502uti su una sedia convenzionale si tende ad assumere una postura in cifosi lombare, ovvero ingobbita. In questa situazione però le costole hanno poco spazio per elevarsi e quindi consentire alla gabbia toracica di espandersi correttamente durante l’inspirazione.
Sempre a causa della postura in cifosi si verifica una certa costrizione della zona addominale, con conseguente ridotta attività del diaframma, che è il muscolo principale della respirazione.

 

LA SOLUZIONE? UNA POSIZIONE COMODA, CORRETTA E ATTIVA
Una seduta comoda e funzionale rappresenta un valido strumento per migliorare la qualità delle attività che si stanno compiendo. Una indagine condotta su una vasta popolazione di impiegati con forte propensione alla sedentarietà, concludeva che oltre il 90% di questi riferiva una maggior capacità
attentiva in seguito ad adeguamento ergonomico della postazione di lavoro.
Le sedute Varier, garantendo una postura simile a quella eretta, mantengono la colonna vertebrale nel giusto assetto. Ciò consente di ridurre sensibilmente la costrizione in area addominale e permette di mantenere un’adeguata espansione della cassa toracica nelle fasi di inspirazione ed espirazione.
La migliore capacità respiratoria si traduce in migliore ossigenazione ed in una più ampia attenzionalità.
SE_0502_2

Facebookpinterest

I disturbi cervicali

La zona cervicale è uno dei punti più colpiti dal dolore nei soggetti sedentari: le statistiche dicono che più del 80% dei lavoratori sedentari, tra cui impiegati, operatori PC e studenti, soffre in modo persistente di dolori al collo, mal di testa, pesantezza e difficoltà nei movimenti proprio nell’area delle spalle. La causa principale è costituita dalla naturale tenenza a flettere il collo in avanti per diriger lo sguardo verso il piano di lavoro o il monitor. Inclinare il capo in avanti e in basso aiuta a svolgere meglio la propria attività, ma è dannoso per vertebre e muscoli del collo. In più l’assenza di cambiamenti di posizione e di variazione dell’attività dei muscoli cervicali costituisce il principale fattore scatenante.

LA SOLUZIONE: Mantenere in verticale l’asse collo schienaHÅG_Capisco_People_Interior_2013k
Mantenere il collo in una posizione più vicina alla verticale consente di sostenere il capo in equilibrio senza la necessità di intervento muscolare e ciò si traduce in un netto miglioramento dei problemi cervicali. Le sedute dinamiche evitano la postura a collo flesso in avanti e consentono di avvicinarsi al piano di lavoro per migliorare la visione. L’oscillazione soddisfa la naturale necessità di movimento della colonna e la contrazione e il rilasciamento ritmici dei muscoli del collo. Funge così da vera e propria ginnastica, prevenendo in tal modo l’insorgenza di numerosi disturbi,

Facebookpinterest

Tutti in piedi!

L’ultima tendenza in arrivo dalla Silicon Valley in tema di benessere sul luogo di lavoro è quella di lavorare in piedi. Al posto delle scrivanie, standing desk” simili a banconi da bar. Giusto lo spazio per il monitor del pc, per gli oggetti da scrivania e, su un apposito ripiano più in basso, la tastiera.

Il vantaggio della posizione di lavoro eretta è un concreto aiuto contro il mal di schiena, ma non solo: non sedersi aiuta a mantenersi attivi per tutto il giorno, a facilitare la digestione e scongiurare la sonnolenza dopo la pausa pranzo. L’attività metabolica aumenta, si bruciano più calorie e si è più attenti, con ripercussioni positive sul lavoro.

I designers non si sono lasciati scappare l’occasione e hanno cominciato a proCapPuls_265 mm lift_high[ppt]durre modelli di scrivanie con altezza regolabile elettronicamente, con strumenti incorporati e uno sgabello per far riposare le gambe. Un sistema più ergonomico per dissuadere anche il più pigro dei lavoratori dall’accasciarsi malamente su una sedia.
“Sitting in the new smoking”, dicono le ricerche: i danni derivanti dalla sedentarietà sono paragonabili a quelli derivanti dal fumo. Ben vengano allora gli standing desk e le sedute ergonomiche in grado di garantire la possibilità di lavorare in posizione semi-eretta. Tutti in piedi!

Facebookpinterest

I love my sofa?

Il divano è la croce e la delizia delle case italiane. E’ il complemento intorno al quale ruota tutta la zona living. Viene scelto sulla base del pensiero ‘qui passerò molte delle mie serate, dei miei week end e dei momenti di riposo’. Quando ci adagiamo sul divano, vorremmo sprofondare, invogliati dalla morbidezza dell’imbottitura. Spesso però una serata di relax trascorsa davanti alla tv si trasforma in un incubo: ci alziamo indolenziti, doloranti, più stanchi di quando ci siamo seduti. Come mai? Questo accade perchè una postura infossata appiattisce la curva più bassa della schiena, generando pressioni insopportabili sui dischi. Anche il collo risente pesantemente di questa posizione ed obbliga a reclinare il capo in modo innaturale.

è il sostegno che genera il vero relax

L’ergonomia ha fatto molti passi avanti negli ultimi anni ed è in gradi di stabilire alcuni parametri fondamentali nella scelta di una poltrona realmente confortevole: dovrà favorire il movimento ed il cambio di posizione, dando il giusto sostegno alla colonna vertebrale, per non sottoporre la zona lombare a carichi statici prolungati. divano_poltrona

Facebookpinterest

La seduta ergonomica accessibile a tutti, adesso c’è!

Ogni posto è il posto giusto per Capisco Puls. Uffici, Home office, Settore Sanitario, Camere dei ragazzi. Non ha limiti, non trascura nessuna opportunità.
Capisco Puls diventerà la soluzione ottimale per chi desidera una seduta realmente ergonomica ad un prezzo abbordabile anche a chi inizia una nuova attività lavorativa, agli studenti, ai genitori ed ai nonni. Offriamo una sedia completa, con meccanismo brevettato, molteplici regolazioni, ruote e certificati di sicurezza al prezzo di uno smartphone.

Grazie alle sue certificazioni di sicurezza e ambientali, tra le più restrittive al mondo, Capisco Puls è la sedia perfetta per un ufficio dinamico e moderno. Inoltre la struttura in polietilene consente la sanificazione, ideale quindi in ambiente medicale o di laboratorio.
Ma non solo.
HAG_cap8010_2010_sitting_3[ppt]Recenti ricerche hanno evidenziato che i danni posturali alla colonna vertebrale dovuti a posizioni scorrette iniziano nella pubertà.
Nella camera di un ragazzo che studia non può quindi mancare una sedia ergonomica che consenta il movimento e la libertà di cambiare posizione. Dalle medie all’università, quante ore sui libri? Capisco Puls sarà la compagna di studio ideale, leggera, pratica, divertente ed allo stesso tempo elegante.

La garanzia di 10 anni, il pistone garantito a vita, il design funzionale, le regolazioni precise,  i colori brillanti e i tessuti resistenti completano le caratteristiche di una sedia che non ha paragoni.

Scopri qui Capisco Puls

Facebookpinterest