La postazione di studio/gioco

Il mal di schiena e la ricerca di cure mediche appropriate sta diventando sempre più un problema comune tra i bambini e gli adolescenti.
L’origine potrebbe essere attribuibile ad affaticamento muscolare, cattiva postura, troppa attività fisica o al contrario, troppo poca attività e non abbastanza esercizio.

Molto spesso il mal di schiena di bambini e ragazzi è imputato ad una cattiva postura sui banchi di scuola, ma non dobbiamo dimenticare che i ragazzi passano molto tempo seduti fermi anche dopo l’orario scolastico, il pomeriggio e durante i fine settimana.

Una postazione di studio/lavoro ergonomica e versatile può essere di grande aiuto agli studenti, sia per contrastare i danni causati da una cattiva postura, sia per aumentare l’efficienza durante le ore di studio.

Come posizionare la scrivania
La scrivania non dovrà mai essere posizionata con la finestra alle spalle, perché verrebbe a mancare la giusta luce per scrivere e studiare sui libri o al computer e su quest’ultimo potrebbero esserci dei fastidiosi riflessi.
Meglio quindi posizionare la scrivania perpendicolare alla finestra o al di sotto di essa.

Sedia HÅG Capisco Puls a partire da € 535

Il piano di lavoro
La scrivania deve essere ampia e organizzata in modo da non dare la possibilità di creare disordine.
Contenitori, mensole e vaschette sono necessari per poter trovare subito fogli, penne e matite.
Sarebbe anche opportuno avere un piano ad altezza regolabile, in modo che la scrivania possa adattarsi negli anni allo studente, invece di costringere il corpo in posizioni sbagliate per usare un tavolo ormai troppo basso.

La sedia
Perché comprare una sedia ergonomica per i bambini?
La risposta è semplice: la vita moderna è sempre più sedentaria, e anche i più piccoli ormai passano molte

Varier Variable, a partire da € 329,00

ore seduti a leggere, disegnare, giocare e soprattutto a fare i compiti.
È quindi importante scegliere con attenzione una sedia adatta per la loro scrivania.

Sul mercato ci sono diversi tipi di sedie ergonomiche, con differenti caratteristiche, ma la cosa più importante è scegliere una sedia che
consenta il movimento naturale del corpo, che non costringa in una posizione statica, ma che al contrario permetta di cambiare posizione,
garantendo sempre il corretto supporto.

Perché in realtà il peggior nemico della schiena non è tanto la postura sbagliata quanto piuttosto una postura statica mantenuta per troppo
tempo.
La postura corretta viene aiutata o “insegnata” dalla sedia, ma poi questa postura deve essere mantenuta e soprattutto cambiata cioè si devono fare pause durante l’uso, per permettere alla schiena di rilassarsi ogni tanto e di cambiare posizione in modo naturale.

L’articolo ha uno scopo puramente informativo e non intende sostituire il parere del medico o altro specialista della salute.
Facebookpinterest

Home office, tra sogno e realtà!

Lavorare da casa offre molti vantaggi: orario flessibile, riduzione dei costi di trasporto, meno stress e più produttività ed un positivo bilanciamento fra necessità lavorative e qualità della vita.
La cosa più importante da tenere in considerazione è una distinzione netta tra lavoro e casa, senza dimenticare le regole fondamentali di una buona postazione di lavoro. Non sarete produttivi allo  stesso modo lavorando sul divano, o seduti correttamente al tavolo o ad una scrivania. Essere comodi nel lavoro da casa non significa far diventare la poltrona il vostro ufficio! Pensate anche ai danni che potreste fare alla vostra schiena e al vostro collo!
Avere l’ufficio in casa è sicuramente molto utile: basta saperlo organizzare al meglio.
Il segreto per avere un ambiente comodo e produttivo è prima di tutto scegliere l’arredamento con saggezza e organizzazione.
La prima cosa da fare per organizzare l’ufficio in casa è posizionare la scrivania. Se lo spazio lo consente, potete scegliere una a forma a “L” oppure ad “U”, le forme migliori per avere tutto lo spazio di cui avete bisogno per lavorare. Queste forme consentono di avere anche più di una sedia: a questo proposito è sempre bene scegliere una sedia ergonomica e regolabile in tutte le sue posizioni per avere una seduta il più comoda possibile. Anche le luci sono molto importanti: meglio optare per una serie regolabile piuttosto che fare affidamento su un’unica fonte.
Affiancate dei tavoli di appoggio alla vostra scrivania, l’ideale sarebbe averne due: uno per l’archiviazione e un altro per il materiale da visionare. A questo punto potete scegliere il resto dell’arredamento. La regola di base è quella di mettere a portata di mano tutto ciò di cui avete bisogno più spesso.

 

 

Facebookpinterest

Il mal di schiena nei bambini

SEDUTO. FERMO. COMPOSTO.
MEGLIO DI NO.

Una volta ‘sedersi bene’ significava stare fermi e composti. Oggi lo sappiamo per certo: non esiste niente di più sbagliato Le posture statiche sono dannose per tutti, ma in modo particolare per i bambini e gli adolescenti per i quali il movimento assume una funzione ancora più importante. Attività come correre nei prati, arrampicarsi sugli alberi, giocare a palla sviluppano le capacità motorie e coordinative. Le nuove generazioni purtroppo, non sempre possono fare queste esperienze. I ragazzi passano molte ore seduti fermi al computer, a studiare e davanti alla televisione, costringendo il proprio corpo in posizioni statiche prolungate

Recenti ricerche hanno evidenziato che i danni posturali alla colonna vertebrale, dovuti a posizioni scorrette, iniziano nella pubertà e che, se non corrette entro i primi 10 anni di vita, sono difficilmente trattabili successivamente.  Questa fase della crescita ha quindi un’importanza decisiva per la salute futura dei ragazzi.

IMPOSSIBILE TENERLI FERMI.  PER FORTUNA.
Gli adulti spesso dicono ai ragazzi di sedersi composti e stare fermi, in realtà non sanno che la posizione migliore è quella che consente il movimento naturale del corpo.
I ragazzi cambiano spesso posizione per assecondare l’esigenza del corpo di muoversi. Le sedie Varier sono state progettate per stimolare il movimento, permettendo di assumere posture differenti, lasciando sempre la colonna vertebrale in assetto fisiologico, con benefici sia per il fisico che per la mente.

PER LO STUDIO
Con l’inizio della scuola i bambini iniziano a mantenere la posizione seduta per molte ore althatsit giorno. Tale postura è quindi quella che influenza maggiormente la struttura della loro colonna in crescita e se mantenuta in modo scorretto per un lungo periodo, può essere dannosa per lo sviluppo fisico, oltre che fonte di dolore e malessere E’ importante che i ragazzi siano quindi messi nelle condizioni di sedersi bene nel corso delle attività di studio.  Movimento, variazione e libertà sono i principi alla base del concetto Balans di Varier, progettato per assecondare il movimento del corpo e non per reprimerli. Perché restare fermi è molto più faticoso e  dannoso che muoversi.

PER IL GIOCO
Giocare oggi significa troppo spesso restare per ore davanti allo schermo del pc. Sedute interminabili che possono durare anche diverse ore, ma che aumentano vertiginosamente il rischio di conseguenze negative sulla colonna vertebrale, specie nei più giovani. La posizione tipica (e sbagliata) del giocatore di videogames? Testa protesa, iperlordosi (ossia un’eccessiva curvatura) del collo e mandibola indietro. Durante le ore di svago al pc, che sembrano purtroppo inevitabili,  è opportuno fornire una seduta che non induca posizioni di autocompensazione, ma che invece dia un corretto supporto, la possibilità di variare posizione e che stimoli il movimento.

Non è mai troppo presto per imparare a stare bene e ad avere una postura corretta. Educando i bambini a comportamenti e posture corrette si eviteranno loro inutili sofferenze e spiacevoli esperienze. 

Facebookpinterest

I 10 comandamenti per prevenire il mal di schiena

A cura del Dottore Chiropratico Manuel Marco Mazzini DC CCSP
milanochiropratica.com

Controllate questo elenco di suggerimenti per prevenire il mal di schiena, e osservate quali sono quelli che già state facendo e che quelli che potreste aggiungere alle vostre attività quotidiane.

1. Correggere la postura – Una delle cose più semplici che potete fare per mantenere una colonna vertebrale sana è di utilizzarla in modo appropriato. Sovraccaricare il peso su una gamba creerà piccole tensioni sulla colonna vertebrale e sul sistema nervoso che possono sfociare in mal di schiena. Mantenete sempre le naturali curve della vostra colonna vertebrale in ogni momento della giornata. Sedetevi correttamente su una sedia comoda, cercate di mantenere le spalle in linea con i fianchi e mantenete il peso distribuito uniformemente.

2. Tenere il peso sotto controllo – Un motivo comune per il mal di schiena è dovuto all’iperlordosi lombare dovuto all’eccesso di peso sulla pancia. Se siete troppo pesanti, cercate di perdere qualche chilo e ridurrete il rischio.

3. Evitare l’inattività e l’eccessivo riposo a letto – Il corpo umano si è naturalmente sviluppato negli anni per sopportare il peso in posizione eretta e in movimento. Stare troppo fermi sottopone alcune articolazioni a troppa pressione. Inoltre i muscoli hanno bisogno di muoversi per funzionare correttamente e rimanere attivi.

4. Fare stretching – Riscaldate o allungate i muscoli prima e dopo un esercizio fisico o altre attività, come attività sportive o anche il giardinaggio o lo spostamento di mobili pesanti.

5. Mangiare cibi sani– Darete così  al vostro corpo i “mattoni” per funzionare correttamente. Bevete molta acqua ed evitate cibi complessi, molto zuccherati o fritti.

6. Indossare scarpe comode. I tacchi alti forzano il centro di gravità in avanti e sbilanciano la vostra colonna vertebrale.

7. Dormire sul materasso comodo. Non esiste il materasso universale, ogni individuo è diverso e ha bisogno di un materasso adatto alle proprie caratteristiche fisiche. L’importante è che il materasso offra un adeguato sostegno durante il sonno. Consultate i vostri consulenti sanitari per la scelta migliore del materasso e cuscino.

8. Sollevare i pesi correttamente. Se si dovete sollevare qualcosa di pesante, piegate le ginocchia e aiutatevi con le gambe mantenendo la curva della schiena. Tenete l’oggetto vicino al corpo, e non girate il busto durante il sollevamento.

9. Non fumare. Smettere di fumare migliora la circolazione del sangue. I muscoli riceveranno più ossigeno e più nutrienti portati dalla circolazione.

10. Mantenere una postura corretta al lavoro. Accertatevi che la vostra postazione al lavoro sia ergonomicamente corretta, con lo schermo del computer impostato alla giusta altezza e davanti agli occhi, e di sedevi in modo corretto e su sedie confortevoli. Ricordatevi inoltre di alzarvi frequentemente dalla postazione di lavoro come dicono le leggi 626 e 626 bis.

11. Consultare il chiropratico.  La chiropratica è la professione sanitaria che è più efficace nel curare pazienti che soffrono di questo tipo di problemi. Il dottore in chiropratica vi aiuterà a mantenere la colonna vertebrale in allineamento in modo da proteggere il sistema nervoso dai danni inutili. Il chiropratico è un esperto nel trattare tutte le condizioni che circondano il mal di schiena. Consultate il vostro prima di iniziare a soffrire.

Un antico proverbio cinese dice: “Non esisterebbero i grossi mali se si desse più importanza a quelli piccoli”.  Prendetevi più cura della colonna vertebrale e del sistema nervoso, potrete  stare lontano da sofferenze inutili. Se siete uno dei milioni di persone che soffre di mal di schiena, consultate il dottore in chiropratica – avrà  molte risposte alle vostre domande sulla salute, e vi potrà aiutare a  guarire in modo naturale.

Facebookpinterest

L’angolo del relax

Il relax è questione di angoli, intesi come piccoli spazi.

Perché l’ideale per rilassarsi sarebbe avere uno spazio proprio, il proprio angolino, dove rilassarsi con un buon libro, un bel film oppure buona musica.  Uno spazio esclusivo, che diventerà il proprio angolo di paradiso personale.
Uno spazio off limits per il resto della famiglia, anche solo per pochi minuti alla volta, per ricaricarsi dopo una giornata faticosa o per pianificare con tranquillità le attività quotidiane.

Spesso il nostro angolo del relax .. è però relegato in un angolo!
Un angolo del divano di solito, magari condiviso con figli e gatto.
Perché nelle nostre case, il divano è il vero re. La sera non vediamo l’ora di sederci, di sprofondare nei cuscini morbidi, di sdraiarci e spesso di addormentarci con il collo e la schiena in posizioni improbabili.
Con l’unico risultato di alzarci dal divano doloranti e spesso più stanchi di quando ci siamo seduti.

Perché il relax è anche questione di angoli geometrici!

Citazione dalla enciclopedia Treccani
stravaccarsi v. intr. pron. [der. di vacca, col pref. stra-] (io mi stravacco, tu ti stravacchi, ecc.), fam. – Sdraiarsi, sedersi nella posizione più riposante e comoda, anche se non corretta, scomposta: si stravaccò su una poltrona e si mise a guardare la televisione; non è molto educato stravaccarsi così sul divano. ◆ Part. pass. stravaccato, frequente come agg.: se ne stava stravaccato sulla sdraio a leggere.

Il problema sta proprio qui.
Una posizione ‘stravaccata’, per quanto apparentemente comoda,  appiattisce la curva più bassa della schiena, schiacciando i dischi e causando dolore. Anche a livello cervicale, ci possono essere dei disturbi, visto che questa postura porta a piegare la testa troppo in avanti, oppure troppo indietro.

 

Come coniugare quindi riposo e corretta postura?
Certamente non con una soluzione fai da te come quella della foto!

Il suggerimento degli esperti di ergonomia della seduta di Varier, è di scegliere una poltrona relax, che grazie al meccanismo di oscillazione controllata, consenta al corpo di rilassarsi, muovendosi liberamente. Ad ogni più piccolo cambio di posizione del tuo corpo, la poltrona ti segue, muovendosi con te, e contribuendo a farti sempre mantenere una corretta angolazione. La schiena ed il collo sono sostenuti dallo schienale e dal poggiatesta, in modo da poter rilassare completamente la muscolatura.
I piedi appoggiano sul pouf, per rilassare anche le gambe e migliorare la circolazione

 

Facebookpinterest

Wing e Multi, flessibilità in movimento

multi blu

Le sedute Balans sono caratterizzate dall’angolo di seduta e dalle slitte curvate che permettono un movimento oscillante.
Alcune persone, hanno necessità particolari, che non possono essere soddisfatte da una sedia che dondola.
Per quanto la nostra filosofia sia il movimento sempre, anche da seduti, abbiamo la soluzione anche per questo tipo di esigenza: MULTI e WING.

Entrambi hanno ruote per spostarsi più agevolmente e un sedile regolabile in altezza, Wing con un pistone a gas, e Multi grazie ai diversi punti di appoggio della struttura.
Molto apprezzati da chi fa lavori di precisione, e anche da parrucchieri, estetiste e manicure, professioni dove la sollecitazione dei muscoli delle spalle e della schiena è pesante e che richiedono di mantenere la stessa posizione a lungo.

multi neroUna particolarità di Multi è che grazie alla regolazione dell’angolo di seduta, può alleviare in maniera sensibile la pressione sui dischi vertebrali: più l’angolo è acuto, minore sarà la pressione. Godetevi i vantaggi offerti dalla postura eretta e dinamica della spina dorsale e dall’equilibrio della parte superiore del corpo.
Questa attività impercettibile irrobustisce i muscoli centrali e riduce le tensioni sul collo e le spalle. L’angolo aperto tra la parte superiore e quella inferiore del corpo favorisce la respirazione profonda e migliora la circolazione.
In più MULTI si chiude, occupando poco spazio quando non è utilizzato e facilitando il trasporto.

Anche se le cinque ruote la fanno assomigliare ad una normale sedia da ufficio, le analogie finiscono qui, wing tealperché tutti i dettagli di Wing  hanno lo scopo di aumentare la vostra produttività. Le ruote flessibili le consentono di adeguarsi al peso del corpo, con inclinazioni che favoriscono un costante cambiamento di postura.

Facebookpinterest

Come scegliere una sedia ergonomica – 1. il sistema balans

L’ergonomia ha fatto molti passi avanti negli ultimi anni ed è in grado di stabilire alcuni parametri fondamentali nella scelta di una sedia realmente confortevole. Essa dovrà favorire il movimento e il cambio di posizione, dando il giusto sostegno alla colonna vertebrale, per non sottoporre la zona lombare a carichi statici prolungati. Per una postura corretta, è poi importante assicurare un’angolazione ottimale fra gli arti inferiori ed il tronco. Ciò è possibile soltanto se lo schienale e il piano di seduta mantengono un assetto costante tra loro. Sono quindi sconsigliabili quelle sedute con il solo schienale reclinabile, che possono indurre ad assumere posizioni non corrette.

Multi_balans_Teal_FA7059-Natural_lacquered_beech-Pack_a3IL SISTEMA BALANS®
Nel trattamento delle disfunzioni posturali, il primo obiettivo è migliorare la distribuzione dei carichi. Il sistema di seduta balans®, grazie all’asse di seduta leggermente inclinato in avanti e all’appoggio delle ginocchia, amplia l’angolo fra le gambe e il tronco. Viene così ridotto il peso che grava sulla schiena, scaricandolo sulle ginocchia e sui piedi. Ecco perché è possibile rimanere seduti più a lungo senza avvertire la fatica. La base basculante favorisce inoltre il movimento e permette di assumere differenti posture lasciando sempre la colonna vertebrale in assetto fisiologico, con benefici sia per l’apparato respiratorio, sia per quello circolatorio. Le sedute con sistema balans® sono
particolarmente indicate per i ragazzi (Variable™, Multi™ e Thatsit™), sia per lo studio che per il gioco.

Facebookpinterest

SEDERSI BENE TI CAMBIA LA VITA – 1. Il nostro corpo è stato creato per rimanere in posizione eretta.

Il nostro corpo è stato creato per rimanere in posizione eretta. 
Stare seduti è certamente meno stancante che stare in piedi ed è per questo che si ricorre alla sedia per lavorare, studiare o in generale quando l’attività da svolgere richiede più tempo.

Benché apparentemente impossibile, la posizione seduta sovraccarica la colonna molto più che la stazione eretta ed è per questo causa di numerosi disturbi. Infatti, nei paesi industrializzati l’incidenza dei problemi alla colonna (lombalgia, sciatalgia, cervicalgia, cefalea mio-tensiva, discopatia, ecc) va dal 75 al 90%, contro il 7-18% circa dei paesi non industrializzati. Ciò è dovuto alla sedentarietà e all’utilizzo di sedute non ergonomiche.

carico dei dischiPurtroppo la sedentarietà è un rischio subdolo, in quanto il danno non viene percepito mentre accade e per questo difficilmente ne si identifica la causa: infatti, pur avvertendo fastidi in posizione seduta, i sintomi più gravi si verificano successivamente, quando cioè utilizzeremo la colonna per muoverci e quindi quando il danno è già fatto.

Ecco perché l’ergonomia da molto tempo considera lo stare seduti correttamente un
fattore fondamentale per la prevenzione
La cosa più importante è di evitare la sedentarietà, adottando uno stile di vita dinamico ed attivo.
Ma quando siete obbligati a stare seduti a lungo, dovreste utilizzare sedute attive, che
garantiscono una postura in piena ergonomia ed in movimento!

La ricerca scientifica ha chiarito da tempo che stare seduti, per periodi superiori alle 3 ore quotidiane consecutive, comporta l’insorgenza di numerosi disturbi di carattere muscolare e scheletrico alla colonna e
circolatori agli arti inferiori. Mentre fino a pochi anni fa la postura scorretta veniva indicata come causa principale, oggi è chiaro che, pur mantenendo una posizione ergonomica, l’assenza di movimento provoca il sovraccarico e il dolore della colonna vertebrale. Infatti, è esperienza comune quella di ognuno di noi che seduto in ufficio, al cinema o a casa, tende a cambiare continuamente posizione sulla sedia, in particolare quando i disturbi e le ore di permanenza aumentano.

MUOVERSI Il corpo ci “chiede” di muoversi per opporsi alla staticità per lui dannosa, ma ciò finisce con il peggiorare la situazione, poiché si assumono posture scorrette e ancor più dannose instaurando così un pericoloso circolo vizioso.

Facebookpinterest

I love my sofa?

Il divano è la croce e la delizia delle case italiane. E’ il complemento intorno al quale ruota tutta la zona living. Viene scelto sulla base del pensiero ‘qui passerò molte delle mie serate, dei miei week end e dei momenti di riposo’. Quando ci adagiamo sul divano, vorremmo sprofondare, invogliati dalla morbidezza dell’imbottitura. Spesso però una serata di relax trascorsa davanti alla tv si trasforma in un incubo: ci alziamo indolenziti, doloranti, più stanchi di quando ci siamo seduti. Come mai? Questo accade perchè una postura infossata appiattisce la curva più bassa della schiena, generando pressioni insopportabili sui dischi. Anche il collo risente pesantemente di questa posizione ed obbliga a reclinare il capo in modo innaturale.

è il sostegno che genera il vero relax

L’ergonomia ha fatto molti passi avanti negli ultimi anni ed è in gradi di stabilire alcuni parametri fondamentali nella scelta di una poltrona realmente confortevole: dovrà favorire il movimento ed il cambio di posizione, dando il giusto sostegno alla colonna vertebrale, per non sottoporre la zona lombare a carichi statici prolungati. divano_poltrona

Facebookpinterest

Perchè tutti soffriamo di mal di schiena?

Cosa accomuna persone diverse, di età diverse e con lavori diversi? Il tempo che passiamo seduti.
Recenti ricerche collegano infatti la postura seduta statica al mal di schiena cronico.

Capire come sedersi correttamente e mantenersi attivi – spiegano gli esperti – contribuirà a migliorare la postura, rafforzare i muscoli e quindi ridurre il dolore al collo e alla schiena”.

 leggi tutto l’articolo di benessereblog.it qui

Facebookpinterest