La vita sedentaria fa invecchiare prima

muoviti

Una recente ricerca dell’università di Padova ha stabilito un legame tra l’invecchiamento precoce e la vita sedentaria.
Semplificando molto, pare che la vita attiva sia legata alla produzione di una proteina essenziale. Quando la quantità di questa proteina cala, il nostro corpo risponde tramite un ormone che fa invecchiare la pelle, il fegato e l’intestino.

I danni che può causare la vita sedentaria al corpo sono be noti, a partire dall’aumento di peso, alla riduzione dell’attività vascolare e del metabolismo.
Ma è la prima volta che viene dimostrato che stare troppo tempo fermi e seduti fa invecchiare prima.

Per molte persone stare seduti tutto il giorno è un male necessario.
Passiamo molte ore seduti al lavoro, quindi perché non trasformare le ore di lavoro in occasioni di fare movimento?

Tavolo_4252Non è impossibile, basta avere la sedia ed il tavolo adatti.
Sedie ergonomiche, attive, che si muovono dolcemente rispondendo agli stimoli che arrivano dal tuo corpo, sgabelli innovativi che si alazano, si abbassano, ruotano e dondolano e ti consentono sempre una postura naturale, scrivanie e piani di lavoro ad altezza regolabile, prima seduto, poi in posizione semi eretta, fai movimento e nemmeno te ne accorgi.

Vuoi rimanere giovane e attivo? Cambia il tuo punti di vista sul modo di sederti.

FONTI:
sciencedaily
tg24.sky.it

Facebookpinterest

Lo sapevate di avere due cuori?

La letteratura scientifica internazionale è ricca di riferimenti alla nostra tipologia di sedute a movimento sincrono, ovvero con sedile e schienale che si muovono insieme su un fulcro centrale, che funge da punto di equilibrio.

il professor Einar Stranden, del dipartimento di ricerca e diagnosi vascolare dell’Aker University Hospital di Oslo, ha pubblicato una ricerca (Dynamic leg volume changes when sitting in a locked and free-floating tilt office chair) che parla dei benefici legati alla prevenzione degli edemi, grazie all’utilizzo di sedute con meccanismo di oscillazione controllato dai piedi. Dal punto di vista biomeccanico infatti, quando stiamo seduti non abbiamo un cuore, ma due. I piedi infatti svolgono un’azione determinante nell’attivare il flusso di ritorno verso il cuore. Questo concetto, definito ‘cuore periferico’ è alla base della prevenzione degli edemi alle gambe, della facilità di respirazione, della continua ossigenazione del sangue, che porta a maggiore concentrazione ed a sentirsi meno stanchi.

Grazie al Balanced Movement Mechanism, la sedia viene controllata dal movimento dei tuoi piedi, stimolando la contrazione ed il rilasciamento dei muscoli delle gambe in modo da riprodurre la naturale funzione ‘pompa’ che svolgono durante il cammino

Vuoi leggere la ricerca del Dottor Stranden? clicca qui

duecuori

 

Facebookpinterest