5 buoni propositi per il 2018

2018 calendario

Come sempre, a fine dicembre è tempo di bilanci (e bilance!!!) ed è tempo di pensare a come iniziare bene il nuovo anno.
Ricerche statistiche hanno dimostrato che ad inizio anno una persona su tre si propone di cambiare le proprie abitudini di vita in qualche modo.
I ‘buoni propositi’ più frequenti riguardano la salute e la dieta.
Si parte con slancio,  concentrati sugli obiettivi e poi .. complice un po’ di pigrizia, gli impegni che si accumulano.. diventiamo un po’ meno assidui nel seguire una routine di salute e benessere e difficilmente riusciamo  a mantenere i buoni propositi fatti per più di sei mesi.

LO STIMOLO POSITIVO!

Come possiamo quindi avere abitudini più sane, senza il pericolo di abbandonare il nostro piano alla prima giornata di pigrizia?
Prima di tutto è necessario darsi obiettivi concreti e perseguibili. E’ inutile programmare di partecipare ad una maratona, se il nostro allenamento fino ad oggi è solo spingere il carrello al supermercato!
Molto importante poi è avere uno stimolo positivo.
Investire su noi stessi ci ricorda l’impegno che abbiamo messo fino a quel momento, per raggiungere i nostri obiettivi.
Un investimento in salute e benessere ci permette di continuare a lavorare sui nostri obiettivi, in ogni momento della giornata.

A volte cambiare la sedia, può veramente cambiarti la vita. 

E questi sono i nostri buoni propositi per il 2018.
Speriamo diventino anche i tuoi

buoni propositi varier

Facebookpinterest

Fai qualcosa per la tua schiena. Ogni giorno.

fai qualcosa

Da quando l’uomo è comparso sulla terra, ha trascorso il 99,99% del suo tempo in modo attivo. Ad un tratto, con l’avvento della civiltà industrializzata, si è improvvisamente ritrovato a svolgere la maggior parte delle sue attività seduto su una sedia. Ma il corpo umano non è stato progettato per stare seduto, nè tantomeno per rimanere in una posizione statica a lungo.
Ecco allora che l’uomo moderno ha suo malgrado iniziato a convivere con un problema che nei paesi più industrializzati ha assunto le proporzioni di un’autentica piaga sociale: il mal di schiena.

Negli anni 40 per dare sollievo ad una schiena dolente si usavano metodi .. animaleschi 🙂

orso
font @imgur

Oppure una ginnastica preventiva.

ginnastica
font @canalblog

 

Un po’ di umorismo per sdrammatizzare, perché il mal di schiena è un problema serio: nei paesi industrializzati, 3 adulti su 4 soffrono di mal di schiena almeno una volta nella vita, con un’incidenza massima nella popolazione fra i 35 e i 45 anni.
Ma invece di aspettare la comparsa dei sintomi, non sarebbe meglio iniziare a prevenire il mal di schiena con uno stile di vita più sano fin da bambini?
Bastano pochi piccoli accorgimenti per cambiarci la vita!
Questi sono i nostri suggerimenti:

A CASA
Durante i lavori di casa è bene cambiare ogni tanto l’attività per non sollecitare  a lungo la colonna vertebrale (ad esempio, non stirare per ore e ore di seguito).
Per prendere o mettere via un oggetto in alto utilizzare una scala, non sforzare la schiena.
Per sollevare pesi, fare forza sulle gambe, piegandosi sulle ginocchia e non  piegando la schiena.
AL LAVORO
Stare troppo tempo seduti nella stessa posizione, fa sentire stanchi, fa perdere concentrazione e provoca dolorose tensioni al collo, alle spalle ed alla schiena.
Utilizzate una sedia ergonomica, che consenta di effettuare un leggero movimento costante per prevenire queste manifestazione, ed in ogni caso alzatevi a fate qualche passo ogni tanto, magari posizionando la stampante lontano dalla vostra scrivania. 
Se lavorate in piedi o in una posizione semieretta, dovreste usare un supporto adeguato, uno sgabello oppure una sedia ad altezza regolabile, che vi consentano di lavorare nella posizione corretta, senza stressare troppo la colonna vertebrale
Dovendo lavorare a lungo in piedi, alzare, se possibile, il piano di lavoro spostando spesso il peso da un piede all’altro e appoggiando ora un piede ora l’altro su un rialzo.
NEL TEMPO LIBERO
La sedentarietà ed il sovrappeso sono alcune  delle cause principali del mal di schiena, quindi approfittate del tempo libero per svolgere attività fisica, anche solo una passeggiata può essere importante nella prevenzione dei dolori alla schiena.

 

 

Le informazioni diffuse dal sito non intendono e non devono sostituirsi alle opinioni e alle indicazioni dei professionisti della salute che hanno in cura il lettore
Facebookpinterest

Il movimento è amico del benessere

benessere

L’esercizio fisico è il modo migliore per stare in buona salute, ma l’impegno e la fatica possono scoraggiare. Ci sono però modi facili e persino piacevoli di fare movimento senza andare in palestra.

L’attività fisica stimola il benessere del corpo e contribuisce all’efficienza della mente. Rinunciarvi per ragioni di tempo o perché spaventati dalla motivazione richiesta da un allenamento strutturato e regolare significa privarsi di un metodo tra i più efficaci per mantenersi in forma e allungare la vita.

Non dimentichiamo poi il pericolo che la nostra vita troppo sedentaria, sia di cattivo esempio per i nostri baby pcfigli. Fin da piccoli, i bambini passano molto tempo, fermi, seduti o sdraiati. Vanno all’asilo o a scuola, spesso in macchina o con i mezzi pubblici, dove restano per molte ore.
Tornati a casa, fanno i compiti, guardano la tv e poi a cena. Praticamente non si muovono mai.

Il rischio maggiore è il sovrappeso al quale poi, se non si fa seguire una dieta equilibrata, si aggiunge ila possibilità che crescendo aumentino i valori di colesterolo e si innalzi la pressione arteriosa, predisponendo in età adulta a problemi cardiovascolari”.

Correre, camminare a passo veloce, nuotare, andare in bicicletta sono tutte ottime attività, considerando che non tutti riescono a frequentare una palestra, sia perché lo stile di vita e l’organizzazione delle proprie giornate non lo consente, sia per questioni economiche.

Correre e camminare sono attività low cost che si possono svolgere tutti insieme in famiglia, anche chi abita in città può raggiungere un parco o uno spazio verde.

Bastano poche ore alla settimana per migliorare la propria qualità della vita e quella di tutta la famiglia.

Facebookpinterest