Stare seduti fa male alla schiena, ma non solo!

Quante parti del vostro corpo risultano coinvolte quando sedete restando fermi per lunghi periodi di tempo? La maggior parte delle persone risponderà probabilmente di essere convinta di stare arrecando danni alla schiena.

LA RISPOSTA VI SORPRENDERA’

1. CERVELLO – Un movimento costante pompa sangue “fresco” e ossigenato al cervello. Se vi mantenete costantemente attivi nel corso della vostra vita potete realmente prevenire la demenza. Mentre sedete restando fermi, tutto si muove più lentamente…anche nel cervello.
2. ORECCHIE – Il movimento stimola il sistema vestibolare nell’orecchio dedicato all’equilibrio.  Restando seduti costantemente fermi per periodi di tempo prolungati, il sistema vestibolare riceve meno stimoli e l’equilibrio risulta influenzato.
3. IL COLLO – Se restate seduti immobili davanti ad un computer per più di 25 ore alla settimana, la possibilità di avere dolori al collo è significativamente alta.
4. SPALLE – Se sedete in modo scorretto per periodi di tempo prolungati, le vostre spalle ne risentono e anche le vostre scapole. Questo può causare vari tipi di tensioni e di dolori.
5. IL CUORE – Quando restate seduti immobili, il vostro sangue circola più lentamente nel vostro corpo e il vostro metabolismo rallenta. Questo aumenta il rischio di coaguli del sangue. Restando seduti per lunghi periodi di tempo, ci si espone inoltre ad un rischio più elevato di pressione sanguigna alta e di livelli di colesterolo più alti, nonché di sviluppare diabete e problemi di cuore.
6. Il PANCREAS – Il pancreas produce insulina, che aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue. I muscoli inattivi non rispondono prontamente all’insulina, spingendo il pancreas a produrne sempre di più. Questo può condurre al diabete di tipo 2. Secondo uno studio condotto nel 2011, un solo giorno trascorso restando seduti risultava sufficiente per portare ad una risposta ridotta all’insulina.
7. L’INTESTINO – Numerosi studi hanno stabilito un collegamento tra uno stile di vita sedentario ed un rischio più elevato di tumore all’intestino.
8. LA COLONNA VERTEBRALE – Quando vi muovete, i dischi morbidi della vostra colonna vertebrale, chiamati dischi intervertebrali, si allungano e si comprimono, quasi come delle spugne. Durante questo processo, assorbono sangue fresco e nutrienti. Quando si resta seduti immobili per lunghi periodi di tempo, questi dischi vengono premuti insieme, ricevono meno nutrienti e la pressione è statica. Questo può causare dolore e disagio alla schiena.
9. MUSCOLI CENTRALI – Quando siete in piedi o in movimento costante, i muscoli centrali si contraggono, al fine di farvi mantenere la posizione eretta. Quando siete seduti come un sacco di patate, i muscoli centrali sono inattivi. Se i muscoli centrali sono deboli, una pressione non necessaria viene applicata alla colonna vertebrale e alla vostra schiena.
10. ADDOME – L’inattività e il restare seduti fermi portano ad un aumento di peso e, nel peggiore dei casi, all’obesità. Molto spesso, questo peso extra si accumula nella zona dell’addome. Il grasso extra che si accumula qui viene spesso chiamato “grasso pericoloso”.
11. METABOLISMO – Stare seduti è terribile per la digestione. Quando ci muoviamo, i muscoli intorno al nostro addome e alla nostra schiena aiutano a trasportare cibo e liquidi attraverso l’apparato digestivo. L’inattività può condurre a costipazione e problemi di stomaco.
12. SANGUE – Quando restate seduti immobili, la quantità di grassi nel vostro sangue aumenta. Questo può causare coaguli del sangue e problemi di cuore.
13. ANCHE – Restando seduti per troppo tempo, non allungate i vostri muscoli flessori dell’anca. Questo può condurre all’accorciamento e all’irrigidimento dei flessori dell’anca, causando una mobilità compromessa e un rischio aumentato di cadute.
14. GLUTEI – Restare seduti per periodi di tempo prolungati porta all’indebolimento dei glutei.
15. GAMBE – Restare seduti per periodi di tempo prolungati blocca la circolazione verso le gambe, causando gonfiore e dolore a gambe e caviglie.
16. SCHELETRO – L’attività contribuisce a rendere le ossa forti e resistenti. La mancanza di movimento può condurre a condizioni come l’osteoporosi.

*SENO – Numerosi studi hanno stabilito un collegamento tra uno stile di vita sedentario ed un rischio maggiore di tumore al seno.
*UTERO – Numerosi studi hanno stabilito un collegamento tra uno stile di vita sedentario ed un rischio maggiore di tumore ovarico.

– See more at: http://www.varierfurniture.com/it_it/Blog/Health-Lifestyle/Lo-sapevate#sthash.nRzizrHa.dpuf

Facebookpinterest

Mi siedo un po’ a riposare?

Avete mai pensato a perché vi sentite stanchi dopo appena poche ore passate seduti?

Passare la giornata seduti su una sedia non progettata per il movimento ma semplicemente per stare seduti è dannoso non solo per la salute ma anche da altri punti di vista.

Vi sentirete stanchi, la produttività calerà drammaticamente perché la circolazione sanguigna diminuisce e la conseguenza sarà un crollo dei livelli di concentrazione. Invece di restare concentrati al cento per cento sul lavoro, sarete distratti e continuamente alla ricerca di una posizione più comoda.

La verità è che quando la sedia sostiene comodamente e consente il movimento, gli sforzi possono essere focalizzati completamente sul lavoro senza distrazioni. Il corpo si muove con la sedia e la sensazione di benessere complessivo aumenta notevolmente.

È facile pensare che le sedie siano tutte uguali, ma nulla potrebbe essere più lontano dal vero. Qualsiasi sedia deve essere progettata tenendo conto del movimento, se l’obiettivo è la salute e il benessere. In Varier, progettiamo tutte le nostre sedie tenendo presente il movimento: è l’essenza del nostro marchio e la chiave per la vita. Il nostro corpo ha bisogno di muoversi. Le sedute statiche sono ormai obsolete e devono essere sostituite da qualcosa di nuovo; il mondo ha bisogno di rivoluzionare il modo in cui si siede, e solo il movimento può farlo. Movimento TRAMITE la seduta, seduti nel modo GIUSTO. Unitevi alla nostra rivoluzione, fate in modo di restare in movimento anche da seduti!

fonte: varierfurniture.com

Facebookpinterest

Metti in discussione il tuo modo di sederti.

homeoffice1Il nostro obiettivo è creare l’esperienza di seduta definitiva. Quello che ci spinge è il nostro desiderio di realizzare un cambiamento globale, per passare dalla seduta passiva al movimento  tramite la seduta.

Grazie ad un’esclusiva combinazione tra design all’avanguardia ed ergonomia, le sedute Varier offrono al corpo la massima libertà di movimento, proprio come richiede la nostra natura. Abbiamo mescolato le nostre conoscenze dell’ergonomia e della funzionalità con l’estetica contemporanea. Chi utilizza una sedia Varier ha la possibilità di muoversi anche da seduto. Perchè il nostro corpo lavora meglio quando è in movimento. Siamo  lungimiranti. Mettiamo in discussione la percezione di come la gente dovrebbe sedersi. Mettiamo in discussione il tuo punto di vista.

 

Facebookpinterest

Sai cosa ti succede quando sei seduto?


Purtroppo la vita è una maratona della seduta.
Siamo seduti tante ore alla scrivania in ufficio, ci sediamo in macchina o sui mezzi pubblici, ci sediamo per cenare e poi ci sediamo nuovamente sul divano a guardare la TV. Siamo seduti anche nel tempo libero, al ristorante, al cinema, perfino allo stadio. Anche chi fa attività fisica non è immune da questo problema, perché un’ora seduti fermi  cancella i benefici di una settimana di palestra.

Anche i bambini soffrono questa situazione:  con l’inizio della scuola iniziano a mantenere la posizione seduta per molte ore al giorno. Tale postura è quindi quella che influenza maggiormente la struttura della loro colonna in crescita e se mantenuta in modo scorretto per un lungo periodo, può essere dannosa per lo sviluppo fisico, oltre che fonte di dolore e malessere.

Chi lavora ad una scrivania passa 80.000 ore della sua vita seduto. Per questo  il mal di schiena è la prima voce di spesa per la sanità pubblica.

E’ possibile stare seduti, ma nello stesso tempo stare in movimento, senza assumere posizioni strane e senza arrivare esausti alla fine della giornata? Certo, sedendosi attivamente. Una seduta attiva soddisfa e asseconda il naturale bisogno di movimento del corpo umano, oscillando, ruotando, dondolando e posizionandosi sempre nella posizione più adatta. L’ergonomia dinamica si basa sul movimento controllato della sedia, che partendo da un punto di naturale equilibrio, si muove seguendo il movimento del corpo, inclinandosi in avanti quando si scrive, per esempio e spostandosi all’indietro quando ci si appoggia allo schienale. Ti muovi senza accorgertene. 

Varier ha una soluzione per ogni esigenza di seduta:
Per i ragazzi che studiano, per chi vuole una sedia ergonomica da utilizzare a casa, quando lavora al computer o legge c’è Variable. La nostra icona. Il concetto dal quale si è sviluppato tutto il nostro lavoro di ricerca.
Per chi passa molte ore alla scrivania studiando o lavorando in home office, Thatsit è la sedia perfetta. I poggiaginocchia regolabili e lo schienale imbottito la rendono confortevole per ore e ore.
Stare seduti vuole dire anche rilassarsi, leggendo o guardando la televisione. Gravity è una poltrona reclinabile unica nel suo genere. Ti offre quattro diverse posizioni di seduta, fino ad arrivare ad una sensazione di gravità zero.

Facebookpinterest

Insospettabili errori rovina vita che fai ogni giorno

Abbiamo trovato un interessante articolo che riguarda il modo di sedersi

Stare seduti

Le sedie dallo schienale rigido, a noi ben familiari, furono inventate migliaia di anni or sono, ma fino a poco tempo fa erano quasi esclusivamente per le persone davvero importanti. Prima del XIX secolo le persone medie erano solite sedersi su una panca od uno sgabello senza schienale. In sostanza il discorso è sempre lo stesso, non siamo progettati neppure per sederci comodamente con uno schienale a 90°. Quando siamo in piedi, o anche seduti su qualcosa senza schienale, i nostri muscoli addominali sono attivi, aiutando la schiena a sostenere il nostro peso. Quando, invece, ci appoggiamo su uno schienale, questi muscoli si rilassano, e improvvisamente la spina dorsale è l’unica a prendere tutto il peso del tronco. Più o meno come pretendere che un fuscello mantenga una palla da bowling. Questo stress mette pressione sui dischi intervertebrali e può portare al mal di schiena cronico, malessere che colpisce circa il 74% degli Italiani. La soluzione è semplice: sdraiare ad intervalli regolari lo schienale, facendolo passare dai canonici 90° ad un angolo di almeno 135°.

font: quelchenonsapevi.it
autore: Adamo Romano

Facebookpinterest

Il movimento è la soluzione

Se il tuo lavoro richiede di stare seduto nella stessa posizione per più di 3 ore consecutive (long term sitting) dovresti sapere che questo comportamento è molto dannoso e può provocare questo tipo di conseguenze:

  • metabolismo rallentato
  • rischio di diabete
  • stasi venosa delle gambe
  • lombalgie e dorsalgie
  • dolore cervicale e cefalea miotensiva
  • scoliosi e cifosi
  • sovraccarico muscolare e stress sui legamenti

In pratica quando stai fermo, il tuo corpo è come frenato: il peso grava su ossa e articolazioni, la circolazione del sangue è rallentata, quindi c’è un minore apporto di ossigeno al cervello, che ti fa sentire stanco e perdere concentrazione. il corpo cerca soluzioni spontanee di adattamento posturale: ti appoggi, ti pieghi, ti torci per cercare una posizione ‘comoda’, spesso aggiungendo ulteriori carichi all’apparato muscolo-scheletrico.

L’unica soluzione possibile è il movimento!

Facebookpinterest