E’ una questione di equilibrio

equilibrio

Variable_balans_red_STE013-Natural_laquered_ash-Pack_a1Il concetto di base di Varier  Variable e di tutte le sedute Balans  è molto semplice: sono tipi di seduta che rispettano la tendenza naturale del corpo a muoversi e lo mantengono nella sua postura più naturale. In questo modo, i muscoli restano attivi e meno tesi, devono “lavorare” e vengono quindi rafforzati. La respirazione viene potenziata e la circolazione del sangue migliorata, aumentando la concentrazione ed il benessere generale.

La vita è come andare in bicicletta, se vuoi stare in equilibrio, devi muoverti. [cit. A. Einstein]

La funzionalità delle sedie Varier è basata proprio sull’equilibrio. Il movimento oscillatorio della sedia imprime una forza al corpo, che per contrastarla e trovare la posizione di equilibrio deve applicare una forza uguale e contraria. Per questo motivo, quando sei seduto su una sedia Varier,  il corpo è sempre in movimento, i muscoli sono impercettibilmente stimolati ad un lavoro continuo, che contribuisce a rinforzarli e irrobustirli. Definiamo il nostro tipo di seduta ‘attiva’, perché è la persona che prende il controllo della sua posizione di seduta  e non subisce invece le costrizioni di una sedia ‘passiva’.

Il corpo umano non è strutturato per stare seduto fermo a lungo. Nel passato eravamo molto più attivi, e malattie come l’obesità erano quasi inesistenti.
Pensateci, la prossima volta che vi sedete su una sedia passiva che non vi permette di cambiare posizione.
Forse è arrivato il momento di cambiare modo di sedersi.

Facebookpinterest

Il nostro stile di vita sta cambiando il nostro aspetto?

evoluzione

I nostri antenati primitivi avevano braccia forti per arrampicarsi sugli alberi. Con il passare dei secoli, abbiamo sviluppato una maggiore muscolatura delle gambe, che erano il nsotro principale mezzo di trasporto.
I grandi cambiamenti nel nostro stile di vita hanno portato ad una evoluzione fisiologica. Ma questa evoluzione sta continuando? Quali muscoli si potenzieranno e quali invece diventeranno sempre più fiacchi a causa delle nostre abitudini?

Il nostro modo di vivere cambia così velocemente che il nostro fisico non riesce a stare al passo.
Ma siamo sicuri che vogliamo che il nostro corpo si adatti?
Il movimento minimo e ripetitivo che facciamo usando il mouse di un computer o scorrendo le pagine su undito indice tablet è sufficiente per mantenere il nostro fisico in buone condizioni, oppure in futuro avremo solamente un dito indice molto sviluppato e tonico?

Possiamo ragionevolmente pensare che gli sviluppi della tecnologia incoraggino uno stile di vita più attivo? Crediamo proprio di no!
Quindi per chi si è evoluto in HOMO SEDENS*, quali possono essere le soluzioni?

1. passare meno tempo seduti
2. Introdurre la possibilità di muoversi e di cambiare posizione nel proprio modo di sedersi.

Perchè muoversi?

I nostri muscoli sono strutturati per un uso dinamico e non per stare fermi.
Se dobbiamo rimanere fermi per un lungo periodo, sentiamo subito una sensazione di disagio, questo perchè i muscoli inattivi mandano segnali di allarme al sistema nervoso centrale, in quanto uno dei nostri bisogni primari non è soddisfatto, causando, per esempio, un rallentamento della circolazione sanguigna. Quindi perchè muoversi? La risposta è semplice: quando abbiamo la possibilità di stare fermi, non lo facciamo.
Possiamo camminare per ore, ma sentirci stanchi dopo solo pochi minuti fermi in piedi. Tendiamo a fare qualche passo o a spostare il peso da una gamba all’altra.
Anche la posizione più comoda, diventa fastidiosa se mantenuta a lungo.

 Siete pronti a ripensare il vostro modo di sedervi?

variable
*persona che passa gran parte della sua giornata seduto.

Facebookpinterest

Perchè scegliere Varier? Ditecelo voi! Variable

varier variable

I prodotti Varier sono creati sulla base delle esigenze di persone come te.
Leggi cosa ne pensa chi utilizza le sedie ergonomiche ogni giorno.
Vuoi dirci anche tu cosa ne pensi? scrivi a info@varier.it

Luca – 33 anni
Personalmente ho preso questa sedia perchè iniziavo ad essere fortemente scontento delle tradizionali sedie da ufficio, anche se abbastanza ergonomiche. Oltre a questo, ad essere sincero, la filosofia del brand Varier mi ha molto catturato, sia per l’attenzione al progettare prodotti pensati sul nostro corpo che per la sua eco sostenibilità, le strutture in legno, i colori, sobri o molto frizzanti a seconda del proprio gusto. Una sorta di “rottura”, insomma, con il classico e asettico arredamento di ufficio.

Nella mia scelta la Variable balans è stata per giorni contesa con la sorella maggiore Thatsit. Alla
fine, dopo ripetute prove e verificato che della Thatsit non avrei sfruttato le regolazioni disponibili
poiché mi trovavo, in sostanza, a settarla esattamente come la variable, ho optato per questa.
Non nego che nella scelta ha giocato un po’ a favore anche per il fattore economico, dato che, pur
trovandola, di primo acchito, molto comoda, la struttura a pattini era per me una novità da testare
sul lungo periodo.
Ebbene, col senno di poi, non mi sono per nulla pentito della scelta, anzi.
In verità, tornassi indietro, forse prenderei la Thatsit, ma solo ed esclusivamente per la sua
maggior solidità (legni più larghi e spessi) e dato che il mio iniziale dubbio sulla struttura a pattini è
sparito nel giro di pochissimo.
Io, comunque, ho preso la versione di Variable con schienale, in seguito completata anche con il
cuscino coordinato, non disponibile al tempo del mio acquisto.Variable_back_natural_black_FA0999_side
La uso ormai quotidianamente da due anni e mi ha molto giovato! Inizialmente alcuni avvertono
una sorta di “necessità di adattamento” alla seduta dinamica, Beh, io no, semmai il contrario. Nel
giro di tre giorni, infatti, ho iniziato ad avere una sensazione di disagio a sedermi sulle tradizionali
sedute statiche, fatto che mi ha poi portato a prendere altri modelli di sedie Varier anche per casa.
Il montaggio della sedia è veramente rapido e facile, solo lo schienale può dare qualche
grattacapo, ma nulla di che.
Le imbottiture sono confortevoli, si apprezza subito la differenza rispetto ad altri prodotti disponibili
sul mercato a prezzi inferiori. L’appoggio tibiale (o ginocchio a seconda della propria comodità) è
morbido e non stanca, idem la seduta. Lo schienale, più che uno schienale come lo si intende in
senso tradizionale, è una sorta di supporto che aiuta a mantenere la corretta postura, dato che,
praticamente, non ci si appoggia, se non nei momenti in cui ci si mette in posizione relax.
Le sedute possibili sono varie. Con gli appoggi tibiali, senza, con un solo appoggio, in relax
poggiati sullo schienale, o anche al contrario. Sono tutte comode e la varietà offerta è molto
importante, poiché permette di cambiare posizione e di non stancarsi.
Il solo difetto della sedia a mio avviso, comune anche alla Thtsit, è la mancanza di regolazione
verticale, fatto che implica due cose:
1) Necessita di avere il tavolo all’altezza giusta
2) Possibilità di poterlo regolare.
La mia scrivania, sinceramente, era un pò bassa, ma ho agevolmente risolto il problema alzandola
il necessario.
La sedia richiede pochissima manutenzione, per non dire zero. Personalmente dò solo una
controllata alle viti di tanto in tanto e, all’occorrenza, le tiro un pò.
A livello posturale ho avuto molto beneficio, sia diretto che indiretto. Diretto in quanto i dolori da
seduta sono pressoché spariti, indiretto perché anche quando mi siedo su altre sedie sto in
posizione più corretta.
Non cambierei questa sedia se non per un altra Varier con le stesse (o migliori) caratteristiche.

Facebookpinterest