Tutti in piedi!

L’ultima tendenza in arrivo dalla Silicon Valley in tema di benessere sul luogo di lavoro è quella di lavorare in piedi. Al posto delle scrivanie, standing desk” simili a banconi da bar. Giusto lo spazio per il monitor del pc, per gli oggetti da scrivania e, su un apposito ripiano più in basso, la tastiera.

Il vantaggio della posizione di lavoro eretta è un concreto aiuto contro il mal di schiena, ma non solo: non sedersi aiuta a mantenersi attivi per tutto il giorno, a facilitare la digestione e scongiurare la sonnolenza dopo la pausa pranzo. L’attività metabolica aumenta, si bruciano più calorie e si è più attenti, con ripercussioni positive sul lavoro.

I designers non si sono lasciati scappare l’occasione e hanno cominciato a proCapPuls_265 mm lift_high[ppt]durre modelli di scrivanie con altezza regolabile elettronicamente, con strumenti incorporati e uno sgabello per far riposare le gambe. Un sistema più ergonomico per dissuadere anche il più pigro dei lavoratori dall’accasciarsi malamente su una sedia.
“Sitting in the new smoking”, dicono le ricerche: i danni derivanti dalla sedentarietà sono paragonabili a quelli derivanti dal fumo. Ben vengano allora gli standing desk e le sedute ergonomiche in grado di garantire la possibilità di lavorare in posizione semi-eretta. Tutti in piedi!

Facebookpinterest